5 Cose da Non Fare con i Tuoi Clienti

Saper gestire un cliente richiede una certa dose di equilibrio tra ciò che possiamo, o addirittura dobbiamo, permetterci di dire e di fare e ciò che invece è necessariamente tabù.

Non è cosa facile: per poterci aprire, e soprattutto per poter far aprire ogni nuovo cliente dobbiamo subito entrare in confidenza piuttosto velocemente ma senza andare a superare alcuni limiti! Essere in confidenza con qualcuno non significa potersi permettere di parlare liberamente, anche perché è una confidenza basata sempre e comunque sul lavoro! Se poi il cliente è datato, questa confidenza tende ad incrementarsi con il tempo ed a volte viene erroneamente confusa con “amicizia” spingendoci a superare quei limiti invalicabili ed infine a perdere il nostro rapporto lavorativo con lui.

Ricorda quindi:

Proponi, ma non imporre

Ogni cliente ha una sua idea, sue opinioni e un suo modo di pensare. Per quanto tu sia una persona preparata nel tuo settore, non imporre mai le tue idee. Cerca invece di capire che mentalità ha la persona che hai di fronte e proponi ciò che meglio può far sposare le sue idee e le sue necessità.

Non perdere la pazienza

Non sempre (…o forse mai) le cose filano lisce come vorresti. Armati di pazienza e cerca di venire incontro a quelle che sono le richieste, la mentalità, le aspirazioni e le esigenze del tuo cliente. Perdere la pazienza ti porterà solo a perdere un affare o una vendita che, alla fine, sono l’obiettivo del tuo lavoro.

Professionale si, ma non arrogante

Va bene l’esperienza accumulata, va bene la preparazione ed anche i sacrifici fatti per arrivare ad una certa posizione… ma questo non da a nessuno il diritto di spiattellarlo a chiunque faccia capolino in un’attività! La professionalità è uno degli aspetti più apprezzati da un cliente, ma questa è fatta sia di preparazione che di umiltà.

Condividi con i tuoi clienti il tuo sapere solo per rendere loro un miglior servizio. Tutto il resto è un eccesso inutile e deleterio.

Mai di fretta

Sarà successo anche a te di entrare in un negozio e vedere la commessa che ti tratta con fretta e superficialità. Qual’è di solito la tua reazione? Se hai alternative, spesso ti alzi e te ne vai!

Se c’è una cosa che viene percepita immediatamente dall’altra parte della scrivania o del bancone è proprio la fretta. Prenditi il tempo necessario ad ascoltare chi si rivolge a te per capire quali sono le sue esigenze e ciò di cui ha realmente bisogno. Che tu venda intimo o servizi b2b, ogni cliente viene da te già con un’idea in testa. Dedicagli tempo per capire di cosa ha bisogno.

Il Cliente NON ha sempre ragione!

Ok, abbiamo detto di essere pazienti, propositivi, professionali e disponibili… ma questo non deve convertirci in schiavi della nostra attività. Se dobbiamo porci dei limiti è vero anche che dobbiamo porne ai nostri clienti. Non ho mai amato la famosa frase “il cliente ha sempre ragione” perché spinge ad annullare la propria identità lavorativa, il nostro maggior valore. Traccia una linea oltre la quale il cliente non può andare, e se questo avviene, probabilmente non sei tu ad aver perso un buon affare.

Chi accetta ogni condizione lavora solo per il profitto, e non è la migliore delle motivazioni.

(foto: RLHyde | Flickr)

By |2016-12-09T18:29:37+00:0029 Lug 2014|Leadership|0 Comments

About the Author:

Esperto in Start-Up, Branding, Creazione e Sviluppo di Franchising. Founder, CEO e Executive Director in ReStore, impresa dedita allo sviluppo di start-up e franchising.

Leave A Comment