Ok, Hai un’Idea Vincente… ed Ora?

Quante volte ti sarà capitato di avere un’idea brillante, o di trovare un prodotto da importare in un viaggio all’estero, o ancora aver visto un Brand che forse forse… potrebbe davvero andare!

Nel Blog ci siamo spesso soffermati a parlare della ricerca di un’idea valida, ma cosa fare quando l’idea è arrivata? Beh, ci sono due o tre cose da tenere presenti prima di buttarsi in un progetto onde evitare di avere brutte sorprese in corso d’opera.

Quando hai deciso di metterti in moto, quindi, assicurati di aver pensato a quale strategia adottare per andare avanti al meglio. E per pianificarla devi considerare:

1. La Domanda di Mercato

La prima cosa da fare è considerare la domanda del mercato di riferimento. Se questa è già presente, tutto diventa più facile, ovviamente… ma in caso contrario c’è mettere in atto una serie di strategie comunicative volte, ancor prima che a far conoscere il prodotto, ad “educare” il pubblico per creare la domanda che ti occorre.

2. La Comunicazione

Viene da se che:

nel caso in cui la domanda sia già presente dovremo concentrarci sui nostri Competitor, valutare la loro comunicazione e studiare un piano che ci permetta di entrare nel mercato come un’alternativa più valida (o più conveniente in base ai nostri punti di forza) di quelle già esistenti.

nel caso in cui la domanda non ci sia ancora dovremo dedicarci ad “educare” il nostro pubblico per andare a crearla. E’ una situazione sicuramente più difficile perché richiede, tra l’altro, anche una maggiore abilità per l’uso di strategie meno convenzionali come la guerrilla. Ovviamente, tutto questo andrà ad incidere anche sul terzo punto…

3. Il Budget

E’ abbastanza intuitivo, a questo punto, capire perché lo studio della domanda rappresenti la chiave di volta del tutto… E’ da lì che dipende il tipo di investimento che dovremo sostenere per dare vita alla nostra “Idea Vincente”.

Avviare un piano di comunicazione in un mercato in cui la domanda è già presente è un conto, ma creare informazione per educare il mercato alla generazione della domanda è tutt’altra cosa. Quando parliamo di budget in questo caso, non dobbiamo solo considerare l’effettivo incremento di spesa che andremo a dover sopportare (e per quanto dovremo sopportarla, perché si sa: questo tipo di comunicazione richiede tempo!), ma anche in termini di costi opportunità e di energie che andremo a dover impiegare qui invece che altrove. E’ il caso quindi di fare bene i conti prima di lanciarsi in un’impresa simile.

In breve… se hai più di un'”Idea Geniale”, affidarti a quella per cui esiste già una domanda… questo ti porterà meno rischi e, forse, un più rapido recupero di investimento.

(foto: Alexandre Normand | Flickr)

By |2014-09-29T18:48:08+00:0029 settembre 2014|Start-Up|0 Comments

About the Author:

Esperto in Start-Up, Branding, Creazione e Sviluppo di Franchising. Founder, CEO e Executive Director in ReStore, impresa dedita allo sviluppo di start-up e franchising.

Leave A Comment